Palazzo dei Frigoriferi Milanesi
Milano, Italia
2002-2009
16.600m2
committente: FM Immobiliare spa

fotografia: ©E.Caviola

Il progetto per il recupero del Palazzo dei Frigoriferi, costruito nel 1899 in prossimità dello scalo ferroviario di Porta Vittoria e originariamente adibito a deposito di derrate alimentari e fabbrica del ghiaccio, ridisegna l’ultimo piano del palazzo recuperando il sistema a volte della copertura e allestendo al suo interno uno spazio di rappresentanza aperto al pubblico. Il nuovo sistema distributivo si struttura intorno ad una “gola” che ospita il vano ascensori all’interno del volume e ridisegna il prospetto su Porta Vittoria con un sistema di scale che dal piano parcheggio portano all’ultimo.
Palazzo dei Frigoriferi Milanesi
Milano
2002-2009
16.600m2
committente: FM Immobiliare spa

fotografia: ©E.Caviola

Il progetto per il recupero del Palazzo dei Frigoriferi, costruito nel 1899 in prossimità dello scalo ferroviario di Porta Vittoria e originariamente adibito a deposito di derrate alimentari e fabbrica del ghiaccio, ridisegna l’ultimo piano del palazzo recuperando il sistema a volte della copertura e allestendo al suo interno uno spazio di rappresentanza aperto al pubblico. Il nuovo sistema distributivo si struttura intorno ad una “gola” che ospita il vano ascensori all’interno del volume e ridisegna il prospetto su Porta Vittoria con un sistema di scale che dal piano parcheggio portano all’ultimo.

books-fmc_Cosa-ce-in-frigo-

Cosa c’è in frigo?
a cura di: Ernesta Caviola, Alfonso Femia, Gianluca Peluffo
produzione: Ante Prima Consultants, Paris
direzione editoriale: Luciana Ravanel
progetto e realizazzione: 5+1AA Alfonso Femia Gianluca Peluffo ed Ernesta Caviola
immagini: ©5+1AA
fotografia: ©Ernesta Caviola
©2008/Silvana Editoriale/5+1AA/Ante Prima/AAM
ISBN: 978-2-87143-224-1
“Adesso è aperto, aria e luce circolano tra il Palazzo del Ghiaccio e il Palazzo dei Frigoriferi da una parte e Milano dall’altra, in un flusso simbolicamente accresciuto dal fatto che la presenza dell’arte in questo posto ha generato una catarsi, scardinando la sensazione di gravità fino ad allora dominante.