Inside the whale

Please enter a Username on the Instagram plugin Settings page

There is no connected account for this username

EQUIPAGGIO

Atelier(s) Alfonso Femia (AF517), è il nome con cui 5+1AA ha modificato la sua denominazione. Creato da Alfonso Femia con altri compagni di viaggio, dal 1995 esplora il mondo e le relazioni umane attraverso l’architettura, il dialogo e la materia, ascoltando, ricercando e affermando una idea del progetto come strumento di dialogo e l’importanza di pensare e immaginare, spazi, architetture e città cronotopiche.
“Alfonso Femia fondatore dello studio 5+1, nel 2005 prende il nome e la forma di 5+1AA srl e nel 2017 la denominazione di Atelier(s) Alfonso Femia. Dal 2007, con la creazione dell’agence di Parigi, sviluppa i temi del progetto in un “atelier” composto da tre luoghi caratterizzati dall’identità delle tre città, Genova, Milano e Parigi, dove un team multidisciplinare lo anima come un unico luogo di progetto e si nutre delle differenti caratteristiche e esperienze delle tre città.
Gli atelier(s) affrontano il tema della contemporaneità nel rapporto tra città, territorio ed architettura, costruendo questo rapporto come messa in forma della realtà. Un pragmatismo visionario che nutre la realtà con il proprio immaginario e che chiede all’immaginario di entrare in contatto con la realtà.
La percezione e la metamorfosi della realtà sono i cardini di una idea di architettura come corpo ed enigma, che sia realistica ed emozionale, pragmatica e sensuale, condivisibile e capace di creare stupore come meccanismo di conoscenza.
La ricerca sulla materia che ha caratterizzato gli ultimi progetti realizzati tra l’Italia e la Francia sono parte fondamentale di una riaffermazione della materia come dimensione empatica dell’architettura nell’incontro con chi vive o abita l’architettura e la città. Allo stesso tempo è la generosa volontà di riaffermare l’importanza di un dialogo stretto nella fliera del progetto, dal Committente all’artigiano. I Docks di Marsiglia sono manifesto dei principali temi dell’ Atelier(s) AF: rapporto pubblico/privato, progetto come luogo di destinazione.
Il dialogo come strumento del progetto e il progetto come strumento del dialogo è l’azione che contraddistingue il pensiero dell’Atelier(s) AF, che crede nel progetto come momento di incontro e confronto, che si misura con il tempo e nel tempo e che fa della dimensione cronotopica uno degli obiettivi della ricerca.”
Dal 1995, anno di creazione di 5+1, ha realizzato il Centro visite e Antiquarium del Foro di Aquileia (UD), il Campus Universitario di Savona, il padiglione Wyler Vetta a Basilea, le Direzioni del Ministero degli Interni a Roma, il Low Emission Building di Savona, il Palazzo del Ghiaccio e dei Frigoriferi Milanesi a Milano, il Retail Park di Assago, la Villa Sottanis e il Centro espositivo di Casarza Ligure, il Blend Building e la Blend Tower per Generali Properties a Milano, il masterplan Marina Residence a Cotonou (con Peia Associati).
Nel 2005 crea 5+1AA e vince il concorso per il Nuovo Palazzo del Cinema di Venezia con Rudy Ricciotti.
Nel 2006 apre un Atelier a Milano, dedicato allo studio e alla sperimentazione sulla città contemporanea. Nello stesso anno, Simonetta Cenci diventa partner di 5+1AA e da allora prende in mano anno dopo anno la Direzione Generale degli Atelier(s).
Nel 2007 apre 5+1AA a Parigi, con la collaborazione di Nicola Spinetto che diviene associato dal 2009, oltre a svilup-pare il Master Plan con il quale Milano si aggiudica l’Expo 2015.
Nel 2008 vince il concorso per le nuove strutture direzionali di Fiera Milano, realizzati nel 2010 insieme a J.B. Pietri.
Nel 2009 vince i concorsi per le riqualifcazioni dei Docks di Marsiglia e delle Offcine Grandi Riparazioni Ferroviarie di Torino, sede delle celebrazione per i 150 anni dell’Unità di Italia.
Nel 2010 vince il concorso per il complesso residenziale Generali SGR a Milano e realizza il Museo del Giocattolo e del Bambino a Cormano e la “Torre orizzontale” a Milano.
Nel 2011 vince il “Premio Europeo all’Architettura Philippe Rotthier” di Bruxelles per il migliore mix di architettura tra attività urbana e integrazione con il progetto dei Frigoriferi Milanesi, (MI). Nello stesso anno vince il “Premio Internazionale “The Chicago Athenaeum” per il miglior progetto globale 2011 con il progetto della Torre Orizzontale di Milano.
Nel 2012 sviluppa un progetto residenziale per la città di Evry, in Francia, presenta un masterplan strategico per la città di Palermo in Sicilia, lo studio e la pianifcazione urbana per la zona intorno alla grande area metropolitana di Parigi, un masterplan per lo “Yeni Shenir” a Istanbul e per la “Secteur Etoile” a Ginevra. Nello stesso anno vince i concorsi per la nuova sede di BNL/BNP Paribas a Roma e si aggiudica il concorso per la ristrutturazione dello stabile RRG Michelet a Marsiglia con Carta associés. Viene insignito del premio “Architetture Rivelate” per il progetto OGR di Torino.
Nel 2013 completa il Centro Deledda a Venaria reale e il Complesso scolastico a Zugliano (VI). Vince il concorso per il recupero dell’ex area Fitram di La Spezia e riceve l’incarico per la riconversione dei Lotti 4 e 9 del Porto di Tangeri e per un complesso residenziale ad Asnières-sur- Seine in Francia. E invitato a partecipare a competizioni internazionali in Algeria, Germania e Cina, dove con Marco Piva è fnalisti per il nuovo Centro Culturale di Yuangh.
Nel 2014 ha vinto il concorso per la ristrutturazione della sede della Banca d’Italia a Roma, viene loro affdato il progetto per le nuove stazioni della linea tramviaria di Istanbul e vengono invitati a partecipare alla progettazione per il nuovo centro logistico Ferragamo a Firenze.
Nel corso del 2015, completa i progetti dei Docks di Marsiglia, lo IULM 6 di Milano e completa le Torri GLF/MSC a Genova. Si aggiudica inoltre i concorsi per la costruzione di un complesso comprendente residenze, hotel e uffci direzionali a Créteil- l’Echat in Francia con MGUA per Nexity, ed uno per la realizzazione di un polo di formazione ed espositivo per “Dallara Automobili” a Varano de Melegari, Parma. Nel 2015 è fondatore di 500×100 con US e crea i format sul dialogo, che realizza con Giorgio Tartaro, SETalk, CityTalk e nel 2017 a Parigi, L’Entre Deux.
Nel 2016 vengono completate la nuova sede BNL/BNP Paribas a Roma, il complesso residenziale ad Asnières-sur-Seine, la ristrutturazione degli interni della Poste Issy-les-Moulineaux a Parigi e la riqualifcazione della ex Caserma Cantore di Cuneo in una scuola di musica.
I Docks di Marsiglia vengono premiati come miglior progetto in diversi Awards nazionali ed internazionali tra cui i MIPIM Awards a Cannes, il Leaf Awards a Londra e l’ULI “Global Awards For Excellence” a Dallas (Texas). Ai The Plan International Awards si impone come vincitore il progetto della nuova sede di BNL-BNP Paribas di Roma nella categoria “Business/Offce”, fnalista in altri premi tra cui i Mipim Awards 2017.
Tra i progetti in corso il nuovo complesso didattico ed espositivo “Dallara” a Parma, il restauro conservativo della Villa Borromeo ad Arcore, le nuove residenze “Domitys” a Segrate, la ristrutturazione dell’immobile che ospiterà la sede di Monte dei Paschi di Siena e nuove aree commerciali a Milano, e “The corner” ovvero la riqualifcazione di un immobile ad uso uffci in Via Liberazione a Milano.
Nel 2017 riceve la menzione ai The Plan Awards per il progetto di Asnieres-sur-Seine e per l’Academy Dallara. Asnieres-sur-Seine vince il premio per la ceramica e il progetto.
La denominazione di 5+1AA srl si trasforma in “Atelier(s) Alfonso Femia srl”, in sigla AF517.
Vengono presentati i progetti per la città di Algeri, “les voutes” e il quartiere d’affari “Bab Ezzouar”. Atelier(s) Femia sviluppa per Val Europe il masterplan per la candidatura di Parigi sede dell’Esposizione Internazionale di Parigi. Vince il concorso per un centro ricettivo e di loisirs a La Ciotat.

Alfonso Femia

FONDATORE, PRESIDENTE, AMMINISTRATORE DELEGATO

Nato a Taurianova, Reggio Calabria il 7 Dicembre del 1966.
Laureato presso l’Università di Genova – Facoltà di Architettura nel 1992.
Iscritto all’Ordine degli Architetti di Genova dal 1994, di Île-de-France dal 1995 e degli Architetti Svizzeri dal 2014.
Alfonso Femia ha insegnato Progettazione Architetton-ica alla Kent State University di Firenze, alla Facoltà di Architettura di Ferrara e di Genova. Fondatore di 5+1 nel 1995 crea 5+1AA nel 2005 e 5+1AA Parigi nel 2007. Vince numerosi concorsi internazionali ed è pubblicato in riviste internazionali. È visiting professor nelle principali università italiane e internazionali.
Nel 2015 fonda 500×100 e crea 500x100Talk la città come strumento di dialogo, un luogo di incontro e con-fronto sul tema della città, strutturato in due format condotti con Giorgio Tartaro: il SetTalk a Milano e il CityTalk nelle principali città europee e mediterranee. Sviluppa una “ricerca intorno alla materia” che lo porta a collaborare per progetti di design con aziende internazionali e con AF de-Sign sviluppa temi legati alla ceramica, alla luce, al legno, al vetro, al cartone e al cemento biodinamico.
Lo sviluppo tridimensionale della ceramica e della sua applicazione all’architettura lo porta a sviluppare alcuni prodotti che caratterizzano i recenti interventi residenziali di Parigi e di Brescia e la nuova sede di BNL/BNP Paribas a Roma. Con l’artista Danilo Trogu e alla sua magica poetica, sviluppa un “bestiario mediterraneo” in ceramica, che anima i Docks di Marsiglia, le OGR di Torino e le residenze di Asnieres-sur-Seine a Parigi.
Nel 2017 trasforma la denominazione di 5+1AA in AF517 ovvero Atelier(s) Alfonso Femia e crea “L’Entre Deux” un format di approfondimento sulla metamorfosi delle città. Ama i numeri dispari, il Sud e una ciurma di ragazze e ragazzi che dal 1995 crede in questa avventura volta a esplorare e conoscere il mondo attraverso il progetto di architettura e l’incontro con le città, il tutto con il sorriso e una nuova compagna di viaggio “la balaena e la sua stella”

Simonetta Cenci

partner, direttore generale

Nata a Genova il 4 Settembre del 1970.
Laureata presso l’Università di Genova – facoltà di Architettura nel 1995.
Iscritta all’Ordine degli Architetti di Genova dal 2000.
Collabora con 5+1 dal 1998.
Responsabile della Qualità ISO 9000 dal 2005 diventa partner di 5+1AA nel 2006.
Responsabile del coordinamento delle varie attività di progetto e concorsi ha assunto negli anni un ruolo di Direzione Generale delle attività di 5+1AA in coordinamento con Alfonso Femia.
Responsabile dei settori di progettazione legati agli edifci sanitari e al recupero/restauro, coordina principalmente gli atelier(s) di Genova e Milano. Dal 2017 è Direttore Generale di Atelier(s) Alfonso Femia, la nuova denominazione di 5+1AA.
Ha collaborato alla didattica di Progettazione Architettonica e Urbana all’Università di Genova.

Sara Gottardo

architetto associato, direttore Atelier Parigi

Nata a Treviso il 22 novembre 1979.
Laureata presso l’Università di Venezia IUAV – facoltà di architettura nel 2004.
Iscritta all’ordine degli architetti in Italia dal 2006 e all’Ordre des Architectes Ile de France dal 2011.
Dopo Venezia, Genova e Milano ora vive tra Bruxelles e Parigi.
Collabora con l’agenzia 5+1 dal 2004.
Responsabile dell’Atelier di Milano dal 2007 al 2011, dal 2014 coordina l’equipe nella sede di Parigi e dal 2017 è direttrice responsabile dello studio di Parigi in coordinamento con Alfonso Femia.
Responsabile del coordinamento della progettazione delle equipe trasversali delle diverse sedi dell’agenzia, nel 2017 diventa associata dell’Atelier(s) Alfonso Femia di Parigi, nuova denominazione di 5+1AA.

Sara Traverso

DIRETTORE PROGETTI FRANCIA ATELIER GENOVA

Nata a genova il 12 marzo 1970
Laureata presso l’università di Genova Facoltà di architettura nel 1999
iscritta all’Ordine degli Architetti Paesaggisti di Savona dal 2000
collabora con 5+1 dal 1999
dal 2009 gestisce progetti e cantieri in Francia per 5+1
dal 2017 è direttore progetti Francia per l’Atelier Femia di Genova

Alessandro Bellus

direttore atelier milano

Nato a Genova il 24 Gennaio 1980.
Laureato presso l’Università di Pavia facoltà di Ingegneria Edile/Architettura nel 2006.
Iscritto all’ordine degli ingegneri in Italia dal 2007.
Collabora con l’agenzia Atelier(s) Alfonso Femia di Genova dal 2007.
Dal Novembre 2010 è Project and Construction manager.

Marco Corazza

direttore atelier milano

Nato a Pordenone 6 giugno 1981.
Studia presso l’Università di Venezia IUAV e si Laurea presso l’Accademia di Architettura di Mendrisio nel 2006.
È iscritto all’Ordine degli Architetti e Pianificatori di Milano dal 2008.
Dopo aver collaborato con gli studi milanesi Metrogramma e Amdl Michele de Lucchi, dal 2011 è direttore dell’Atelier di Milano in coordinamento con Alfonso Femia.
Dal 2012 svolge attività di assistenza alla didattica presso il Politecnico di Milano.

Liloye Chevallereau

direttore ricerca e sviluppo, comunicazione Parigi

Nata a Luzon il 23 agosto del 1991.
Laureata a l’Université de Bretagne-sud in comunicazione e ingegneria del progetto nel 2013.
Collabora con lo studio dal 2013 dove ricopre il ruolo di direttore della ricerca e sviluppo

Michela Lucariello

direttore comunicazione, media manager, graphic design

Nata a Roma l’8 settembre 1986, si laurea in architettura e si scrive all’ordine degli architetti di Milano.
Inizia la sua avventura con Atelier(s) Alfonso Femia nel 2010 a Genova per approdare l’anno successivo nell’atelier di Milano dove ricopre il ruolo di Direttore della comunicazione, media manager e graphic design per i 3 ateliers.
Segue la realizzazione delle pubblicazioni tematiche sui progetti firmati Atelier(s) Alfonso Femia e insieme con il giornalista Giorgio Tartaro e Alfonso Femia si occupa del progetto 500×100. La continua ricerca del dialogo attraverso lo sguardo dei protagonisti.

Enrico Martino

direttore progetto, design e graphic design

Nato a Genova il 15 febbraio del 1971.
Laureato in architettura nel 2001 e iscritto all’ordine degli architetti di Genova nel 2002.
Collabora con l’Atelier(s) Alfonso Femia dal 1997 al 2005, dal 2015 direttore dei progetti di interni, prodotto, editoria e web, tra Genova, Milano e Parigi.

Lorenza Barabino

BIM manager Atelier Genova

Nata a Genova, nel 1999 si laurea in Architettura con una tesi in cui analizza, tra le altre cose, i contributi degli oggetti parametrici nel processo progettuale.
Dopo un’esperienza annuale nel campo della grafica, nel 2001 è chiamata a collaborare con lo studio 5+1AA di Genova, inizialmente occupandosi sempre di grafica, concept design e immagini di sintesi; poi affinando le sue competenze di progettista lavorando su prestigiosi progetti esecutivi, come Frigoriferi Milanesi, Sviluppo Sistema Fiera, Torri MSC, ecc. Contemporaneamente continua a coltivare il suo interesse per il processo BIM. Dal 2015 ricopre il ruolo di BIM Manager all’interno dell’Atelier(s) Alfonso Femia,in vista della direttiva che prevede l’uso del BIM per specifiche opere pubbliche entro il 2019.

Marcello Morino

direttore progetto

Né à Lisieux le 27 mars 1990
Diplômé en architecture de l’université UCL LOCI Bruxelles en 2014
Collabore avec le studio depuis 2015 comme directeur de projet à Paris.

Anne-Cécile Robat

administration Atelier Paris

Née à Reims le 17 Août 1988.
Diplômée d’un Master Économie et Gestion des Produits Culturels de l’Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne.
Anne-Cécile, collabore avec le studio depuis 2015 en tant que responsable administrative et financière / appels d’offre

Carola Picasso

direttore progetto

Nata a Genova il 2 Giugno 1978.
Laureata presso l’Università di Genova – facoltà di architettura nel 2005.
Iscritta all’ordine degli architetti in Italia dal 2007.
Collabora con l’agenzia 5+1, oggi Atelier(s) Alfonso Femia, dal 2004, dove inizia il suo percorso lavorativo.
All’interno dello studio segue diversi lavori in fase esecutiva e di cantiere in Italia e Francia.

Stefano Delogu

architecte

Né à Alghero le 2 février 1985
Diplômé en architecture de l’université DADU Alghero en 2016
Collabore avec le studio depuis 2017 comme architecte à Paris

Gianmatteo “Teo” Ferlin

Communication Manager

Nato a Finale Emilia (Modena) il 12 Gennaio 1969
Ha frequentato la facoltà di Scienze Politiche ad indirizzo Sociologico dell’Università di Bologna.
All’interno dello studio si occupa della comunicazione, dell’editoria e delle gare, nella vita è anche un musicista.
Collabora con l’agenzia 5+1AA, oggi Atelier(s) Alfonso Femia, dal 2008

VIDEO
INSTAGRAM