video
Milano
©Lenovo Italia / Corriere Innovazione
22 Ottobre 2020

Alfonso Femia intervistato dalla giornalista Elena Papa insieme a Massimo Roj sul cambiamento delle città, del benessere e le innovazioni che stanno sensibilmente cambiando i nostri stili di vita e modalità abitative.
AEB4 residenze
Residenze e alloggi per studenti – Lotto B4, ZAC Parc d’Affaires

Asnières-sur-Seine, Francia
2019-in corso

programma: Costruzione di due edifici di nove piani sul lotto B4 della ZAC Parc d’Affaires a Asnières-sur-Seine: uno con 62 residenze, l’altro con 273 alloggi per studenti, e un parcheggio da 248 posti
> superficie totale: 11 036 m2
> 62 residenze: 3 766 m2
> 273 alloggi per studenti: 7 270 m2
> parcheggio: 248 posti
committente: Eiffage Immobilier
progetto: Alfonso Femia / Atelier(s) Alfonso Femia con
paesaggista: Ter
ingegneria delle facciate: VP & Green engineering
ingegneria strutturale: Eiffage Construction IDF
ingegneria impiantistica: CET Ingénierie
ingegneria energetica: Bénefficience
ingegneria ambientale: ALTO Ingénierie
economisti: Axio
ufficio di controllo: BTP Consultants
sicurezza antiincendio: Casso Conseil
acustica: Aïda
livelli energetici: Profilo NF HABITAT HQE livello eccellente
immagini: ©Atelier(s) Alfonso Femia & Diorama
“Gli edifici mantengono corrispondenze geometriche e altimetriche che li mettono in dialogo l’uno con l’altro. E questo dialogo è rafforzato dall’uso di materiali simili. Ogni entità tuttavia esprime il più possibile la propria specificità funzionale e coltiva la propria identità.” AF
Il progetto si inserisce nella ZAC Parc d’Affaires, situato ad est di Asnières-sur-Seine. Il sito, che è stato a lungo destinato all’attività industriale, si sta ora trasformando grazie alla creazione di un tessuto urbano ricco e diversificato (uffici, negozi, abitazioni) e al suo collegamento con la Grand Paris tramite la stazione Grésillons (RER C).

Il complesso immobiliare B4 si compone di due edifici : uno con 62 unità abitative e l’altro, residenza per studenti, con 273 camere. Questa disposizione, oltre a garantire autonomia a ciascuna entità, offre un orientamento est-ovest più favorevole per l’edilizia residenziale. Ogni edificio è costituito da un piano terra sormontato da nove piani.

Gli edifici mantengono corrispondenze geometriche e altimetriche che li mettono in dialogo l’uno con l’altro. E questo dialogo è rafforzato dall’uso di materiali simili. Ogni entità tuttavia esprime il più possibile la propria specificità funzionale e coltiva la propria identità.

L’edificio con le 62 residenze offre una stratificazione orizzontale attraverso il gioco dei volumi dei balconi. L’altro edificio, più monolitico, è costituito da un telaio in cemento che estende il sistema dell’edificio sulla facciata evidenziando i diversi tipi di stanze.

Cubo Magico 240
AF*DESIGN CON STAYGREEN/ATTICO INTERNI PER 7.27 THE MOON CODEX
2017

Vincitore del The Plan Award nella categoria “Industrial Design” (2020)

fotografia: ©S.Anzini
Elemento evolutivo e dinamico per rispondere alle specifiche esigenze. In una continua metamorfosi di forme e relazioni, costruisce un paesaggio che apre, delimita, definisce ambiti, modalità e condizioni di lavoro secondo un rapporto spontaneo, empatico, funzionale. Qui possiamo raccoglierci per effettuare una video call o semplicemente una riunione informale.
Città Scolastica Internazionale di Marsiglia

Marsiglia, Francia
2018

programma: Costruzione della Cité Scolaire Internationale di Marsiglia (69 classi 2.190 studenti) comprendente un liceo di 30 classi (1.050 studenti), una scuola media di 24 classi (720 studenti), una scuola elementare di 15 classi (420 studenti), con un polo ristorante, un collegio con 200 letti, 13 alloggi per il personale, un centro culturale (con CDI e sala polivalente da 400 posti a sedere) e centro sportivo (un grande palazzetto di 44 m x 24 m con tribune e 4 palestre)
> superficie totale: 27 153 m2 SDP
> edificio 1C (scuola, centro sportivo, colleggio, alloggi per personale, polo ristorante, aree per manutenzione, 1 livello di parcheggio sotterraneo): 13 762 m2 SDP
> edificio 1B (liceo, centro culturale, vita scolastica, centro amministrativo comune, 1 livello di parcheggio sotterraneo): 13 391 m2 SDP
committente: Région SUD
rappresentato da: SPL AREA
progetto: Alfonso Femia / Atelier(s) Alfonso Femia con ILR Architecture
paesaggista: Wagon Landscaping
ingegneria strutturale, impiantistica, acustica: TPF Ingénierie
HQE, ambientale: Addenda
società mandataria: Cardinal Edifice
società CVC – impegno energetico – manutenzione – messa in servizio: ENGIE Axima
società elettrica – manutenzione – messa in servizio: ENGIE Inéo
economisti: CEC
immagini: ©Atelier(s) Alfonso Femia & Diorama
modello: Stefano Rossi
“Marsiglia è una città internazionale. Marsiglia è una città mediterranea.
Pensare e immaginare una Città Internazionale, è pensare e immaginare la storia di Marsiglia, una città che è stata per secoli un luogo di destinazione, flussi, migrazioni, scambi commerciali e sociali.” AF
Marsiglia è una delle città europee in più grande trasformazione, è una città che continua il suo sviluppo da sud a nord con l’idea di riconquistare il suo territorio.
Il progetto della Città Internazionale si trova in un giunto tra la città storica e una parte di città in fase di sviluppo dove differenti caratteri urbani, sociali e umani si affacciano per la prima volta: la trama urbana, la verticalità delle torri, il fronte mare con il porto.
Tutto si trasforma: i modi di vivere, i modi di ritrovarsi, questo è il luogo ideale per la creazione di un luogo di formazione e di futuro come quello della Città Internazionale.
Marsiglia è una città internazionale. Marsiglia è una città mediterranea.
Pensare e immaginare una Città Internazionale, è pensare e immaginare la storia di Marsiglia, una città che è stata per secoli un luogo di destinazione, flussi, migrazioni, scambi commerciali e sociali.
Il progetto Città Internazionale incontra la dimensione internazionale della città, la sua rappresentazione e la sua appartenenza.
Il progetto ha questa dimensione.
È mediterraneo nel suo modo di vivere la sua luce, la sua materia.
È internazionale nella sua ibridazione, nella sua stratificazione, nel suo modo di costruire un paesaggio nel paesaggio in modo che la diversità dei momenti del progetto possa diventare un luogo reale.
Questa è la caratteristica dei luoghi ibridi tipicamente internazionali.
Questa è la dimensione che Marsiglia possiede già e possiederà ancora di più grazie al progetto della Città Internazionale.

MLR2 residenze
Area Orti-Lamarmora

Milano, Italia
2016
programma: Concorso di progettazione Orti-lamarmora: riqualificazione e nuova funzionalizzazione dell’area compresa tra via Orti e via Lamarmora
superficie totale: 14 622 m2
superficie residenziale: 10 040 m2
committente: BNL Paribas Real Estate
Alfonso Femia / Atelier(s) Alfonso Femia con
ingegneria strutturale: FOR Engineering
ingegneria impiantistica: Energo Group
immagini: ©Atelier(s) Alfonso Femia & Paris Render Studio
“Un progetto costituito di differenti volumi e che si costruisce attraverso un processo compositivo che coinvolge i corpi di fabbrica stessi e gli spazi interstiziali, consentendo una elettiva compenetrazione e connessione fra interno ed esterno.“
Progettare, riqualificare un’area collocata in un contesto storico di grande qualità e pregio come quello del comparto urbano collocato tra via Orti e via Lamarmora, è un evento di valenza pubblica. Le grandi dimensioni del lotto (circa 14.600 mq), la sua collocazione, i servizi del contesto, rendono il progetto un’occasione a dir poco unica per Milano.
La trasformazione dovrà quindi caratterizzarsi per la sua capacità non solo di restituire alla città degli edifici di pregio e riconoscibili, ma anche di dialogare con il territorio ed il paesaggio, inserendosi in un processo di riqualificazione di tutto il sistema insediativo, e di valorizzazione del contesto limitrofo e degli spazi di Via Orti e via Lamarmora.
Il progetto si deve infatti connotare per la sua capacità di intervenire a scala urbana ancor prima che alla scala architettonica. L’area presenta un valore storico importante, non solo per il fatto di trovarsi all’interno della cinta muraria di epoca spagnola, ma anche per la presenza al suo interno di un complesso realizzato nel 1885 ed inizialmente destinato a casa di riposo. Il confronto con tale preesistenza diventa tema fondante di tutto il nuovo intervento.
Les Jardins de la Blanchisserie – Trasformazione dello stabilimento di lavanderia industriale dell’ospedale di Lione
Lione, Francia
2015

superficie totale: 14 571 m2
negozi: 3 053 m2
appartamenti: 11 518 m2
committente: Les Hospices Civils de Lyon
progetto: Alfonso Femia * con Quadriplus Groupe, Après La Pluie
ingegneria strutturale: Quadriplus Groupe
ingegneria impiantistica e ambientale: Quadriplus Groupe
immagini: ©Atelier(s) Alfonso Femia & CC79
“La struttura verticale che appare, risponde sia alle problematiche di un’estensione dell’esistente sia alla questione del collegamento tra due elementi di un’altra epoca.” AF
Il terreno situato al 267 di Corso Lafayette, accoglie la sede dell’ex Lavanderia Centrale degli Ospizi Civili di Lione. La sua posizione lo colloca come futuro centro di gravità per il quartiere. Il progetto esistente si caratterizza per la posizione di due fasce costruite lungo un asse nord-sud lungo Rue Inkermann e Rue Sainte Geneviève. Le due fasce, strutturano queste strade ma fungono da “baluardo” per le loro funzioni.
La struttura verticale che appare, risponde sia alle problematiche di un’estensione dell’esistente sia alla questione del collegamento tra due elementi di un’altra epoca. La struttura e il lavoro della facciata sono collegati e prolungano il ritmo dell’edificio esistente. Da una base iniziale molto chiusa, riusciamo a ripristinare la trasparenza e il legame tra il cuore dell’isolato e le strade.
Questi attraversamenti sono utilizzati dal pubblico per l’accesso ai negozi e alle abitazioni e permettono quindi una reale apertura dello spazio centrale verso il tessuto urbano circostante. La sera si avvicina, tuttavia, i loro usi sono regolamentati e il cuore dell’isolato diventa di nuovo privato.